NYC Partenza

Pubblicato il da mariellas

DSCN2830.JPGLo sapete, sto per partire.

Non ci credo ancora,  a dire la verità.

Ho segnato milioni di cose e posti da vedere a parte i quelli classici.

Ho chiesto consigli e spunti a tutti, ho rotto le scatole di continuo, ma ci sono, si sta avvicinando il momento della partenza.

Quindi anche quello di parlarvi di chi, più di tutti, dal punto di vista musicale, ha acceso il mio amore per questa città a livelli spasmodici.

No, non è Frank Sinatra, nemmeno la grande Streisand o l'nfelice Liza.

No, sto parlando di Billy Joel.

Ero adolescente e avevo appena fatto a pezzi un disco dei Pink Floyd, segnando  la fine di un amore;

quel pomeriggio alla radio trasmettevano una canzone che si intitolava Rosalinda' Eyes, rimasi fulminata, era l'inizio di un grande amore, quell'americano lì stava parlando di me, avrebbe asciugato le mie lacrime.

Ero persa, non conoscevo nulla di lui e allora voracemente, come ho sempre fatto con tutte le mie cose, ho comprato tre cassette dei suoi album più famosi, da sentire in continuazione nel mio wolkman.

Mi accompagnò nel mio lungo viaggio verso Milano, verso la mia nuova vita.

Quegli album ora sono un cofanetto di tre Cd che mi accompagna da tanto tempo, anche se poi i miei gusti musicali sono cambiati leggermente, verso il rock.

Gli album sono Piano Man, The Stranger, 52nd Street.

Restano i miei preferiti, anche se la carriera discografica è lunghissima e ha scritto migliaia di canzoni, vinto Grammy Awards ecc...

Ora sono parecchi anni che non pubblica più album di inediti, ma continua i suoi concerti in tutto il mondo.

Ha collaborato con tutti i più grandi del mondo, grande fra i grandi.

Per me lui è quella città, perchè l'ha sempre raccontata in tutti i suoi album, la città dove lui è nato, nel Bronx.

Io credo che ognuno di voi, ami una sua canzone in modo particolare.

Mi piacerebbe che ne parlassimo insieme.

Se invece non lo conoscete, sono contenta se il mio post, vi avvicinerà a lui, permettendovi di scoprirlo e di catturare la sua grande anima artistica.

Ma la domanda è: quale canzone e quale artista per voi rappresenta la città che io mi appresto a visitare per la prima volta?

Diamine la città:  NEW YORK CITY THE BIG APPLE!!!!!!

 Vi lascio quella che io credo sia la sua canzone più famosa... un bacio a tutti

Con tag viaggi

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

mariella s 09/18/2011 22:22


Ciao Arnika!

Si che racconterò tutto!

Sono proprio contenta che tu abbia visto il mio film preferito...

grazie Dorian anche da me!



baci e a presto!!!


mariella s 09/18/2011 22:22


Ciao Veru, sai io ho una passione atavica per le Barbie.

Ora dopo avere distrutto tutte le mie di quando ero bambina, compro ( talvolta svenandomi) pezzi da collezione.

Che ci devo fare, sono folle anche in questo.

Baci e buona serata


Arnika 09/18/2011 22:21


Ciao Mariella!

Bentornata! Leggo che sei stata entusiasta di NYC, sono contenta! Poi ci racconti tutto, eh?

Stasera ho guardato finalmente Colazione da Tiffany... Devo dire che mi è piaciuto molto (se passi di qui, Dorian: grazie mille per il link!!!!) E... ora non resta che leggere il libro ^^


veru 09/18/2011 22:21


Mari ho letto da Fiorini che ti sei comprata le Barbie.

Fantastiche!

Devo dire che pure io non avrei resistito.

Riguardo Vasco mi riferivo alla sua salute.

Mi sembra tutto eccessivo per una costala rotta.

Vedremo.

Baci


mariella s 09/18/2011 22:20


Ciao Veru, tieni duro, te lo dice una ex fumatrice.

Beh, ho smesso vent'anni fa e non mi pento; l'ho fatto tutto di un colpo per scommessa fatta con mio marito.

Ci sono state delle ricadute talvolta, perchè quello che mi mancava di più era la prima della giornata, fumata dopo il caffè e l'ultima, la sera.

Ma sono stata brava e ormai da tanti anni, ne faccio a meno.

Se penso all'odore cattivo che mi avvolgeva da mattino a sera, all'ansia che provavo quando stavo senza, alla pelle spenta che ora non ho più;

piccole cose, le gravi non mi va nemmeno di scriverle, che sensazione meravigliosa poi essere liberi...

Ma cos'è questa storia di Vasco e cosa non ti torna, pensi che sotto ci sia il suo enturage?

baci